Nel tempio della Barbera d’Asti: l’azienda Braida

di Cristina Fracchia

Dopo un anno di pausa non proprio sabbatica (ho avuto un bimbo che ha giusto compiuto 12 mesi poche settimane fa) , sono timidamente tornata a visitare i luoghi che preferisco… le cantine! La scelta è caduta su una famosa azienda piemontese, che non avevo mai avuto occasione di vedere.

I maligni dicono che gli abitanti delle Langhe siano Alba-centrici e che in genere non si spostano mai dalla loro terra (siamo bugia-nen, si direbbe in dialetto), ma io preferisco dire che da noi ci sono talmente tante cantine che abbiamo solo l’imbarazzo della scelta ed è per questo che spesso non andiamo oltre il nostro territorio. In questa occasione però mi sono spinta nel Monferrato per visitare l’azienda Braida a Rocchetta Tanaro. Si tratta di una cantina che definire storica è forse un po’ eccessivo, in quanto nasce solo negli anni ‘60 con la figura del fondatore Giacomo Bologna, eppure ha fatto la storia della Barbera d’Asti perché è stata la prima azienda a credere fermamente nelle potenzialità di questo vitigno e ad esplorarne le differenti vinificazioni in tempi nei quali il vino Barbera veniva venduto sfuso a poco prezzo e spesso usato per tagliare altri prodotti.

L’intuito di Bologna fu quello di capire che poteva diventare un vino importante e così vendette la sua Barbera, La Monella 1962, ad un prezzo quasi raddoppiato rispetto agli anni precedenti, proprio perché a suo parere aveva raggiunto la qualità a cui egli da tempo aspirava. La sua curiosità lo spinse poi a compiere il secondo passo, che fu quello di girovagare per le grandi cantine francesi e americane e confrontarsi con gli enologi di quei paesi finché non comprese che la strada nuova stava in uno strumento che in Italia non era stato mai usato, cioè la barrique. A quel punto, coinvolse il bottaio Gamba di Castell’Alfero e insieme esplorarono le possibilità che offriva questa novità, finché nel 1984 nacque il Bricco dell’Uccellone, primo vino italiano affinato in barrique.

Dagli esordi sono passati parecchi lustri, Giacomo è mancato oltre venticinque anni fa, ma l’azienda ha continuato a crescere saldamente nelle mani dei figli, Beppe e Raffaella, ed ora consta di 37 ettari produttivi, coltivati a barbera, grignolino, merlot, chardonnay, moscato, nascetta e riesling.

Entrare nella loro cantina mi ha dato la sensazione di varcare il tempio della Barbera, inoltre la degustazione che è seguita alla visita si è svolta in una costruzione in cui, per entrare, bisognava oltrepassare una porticina minuscola (per altro orientale e antica, davvero bellissima) e questo mi ha ricordato ciò che avevo studiato alle superiori riguardo la biblioteca di Gabriele D’Annunzio nella casa del Vittoriale, dove il bassissimo architrave della soglia costringe ad un gesto di umiltà e riverenza nei confronti del sapere. Nel caso di Bologna, ovviamente, cotanta venerazione va al vino e alla sua cultura.

La scelta dei prodotti da degustare è caduta su un bianco e tre rossi. Gradevolissima sorpresa è stata Il Fiore 2016, vino Langhe Bianco doc, ottenuto da chardonnay e nascetta, di un’eleganza singolare. Il Montebruna 2015, Barbera d’Asti docg, era ancora poco espressivo, visto che era stato imbottigliato di recente; incredibilmente equilibrato e beverino ho trovato il Bricco dell’Uccellone 2014, Barbera d’Asti docg, un vino che davvero non stanca il palato, da berne svariati bicchieri senza accorgersene. La degustazione si è conclusa con il Bricco della Bigotta 2008, Barbera d’Asti docg, il quale, nonostante l’età, presentava una grande freschezza e sentori di frutta chiaramente distinguibili, insomma, una longevità ancora tutta da gustare.

Per queste perle e per tutte quelle che non ho avuto il tempo e la possibilità di assaggiare, per la serietà e la storia  dell’azienda, ma soprattutto per le emozioni provate, Braida merita una visita, quanto meno una volta nella vita!

Scarica PDF Scarica PDF

Nessun commento

Rete, paesaggi ed enogastronomia: quali opportunità sprechiamo

di Cristina Fracchia Nonostante le mie dimensioni continuino ad aumentare vertiginosamente (per fortuna sono quasi alla fine della gravidanza!), negli ultimi mesi ho dovuto/voluto scollinare in giro per mezzo Piemonte a seguire una serie di corsi di aggiornamento per la formazione continua dell’Ordine dei giornalisti e raggiungere gli ambìti 60 crediti per assolvere agli obblighi [...]

Nessun commento

Suggerimenti spumeggianti piemontesi (o giù di lì) per le feste in arrivo

Natale è alle porte, come pure le feste di Capodanno. Nonostante io abbia più di un motivo per festeggiare, lo farò ovviamente in modo alcolicamente sobrio; ciò non toglie però che qualche bottiglia di spumante verrà comunque stappata a casa mia. Confesso comunque che fino all’anno scorso non ho mai amato alcun vino spumante secco; [...]

, , ,

Nessun commento

Assente giustificata

di Cristina Fracchia   Da qualche mese mi ritrovo ad essere latitante soprattutto agli eventi. Confesso di avere declinato con rammarico tantissimi inviti a degustazioni, eventi, serate eppure non è stato per snobbare alcuno. E neppure sono improvvisamente diventata astemia, cosa che ha spaventato qualche cara amica nonché compagna di bicchierate. Il motivo è assai [...]

,

Nessun commento

Gli Oscar della serata “Tutto Riesling” al Très

  Sull’onda di questa certezza, qualche giorno fa ho partecipato ad una social cena presso il ristorante Très a Trezzo Tinella (Cn), recentemente rilevato da una brava foodblogger, Margherita di acasamiablog, e da suo marito. Qui i titolari hanno organizzato una cena con cinque piatti ad accompagnare cinque Riesling scelti dal sommelier Stefano Molino e [...]

, , ,

Nessun commento

CONTRO NATURA: la verità che fa discutere

di Gianluca D'Amelio   Dopo aver letto Pane e bugie (chiarelettere, 2010) e le bugie nel carrello (chiarelettere, 2013), da qualche giorno ho acquistato e cominciato a leggere l’ultimo lavoro di Dario Bressanini, Contro natura (Rizzoli, 2015), scritto in collaborazione con Beatrice Mautino, una giornalista biotecnologa e comunicatrice scientifica. Bressanini è uno scienziato prestato alla [...]

, , ,

Nessun commento

Alla ricerca della linea perduta

di Gianluca D'Amelio   “Prova costume? Non è più un problema con Normaline …”. Questa mattina in un’ora di automobile, ho ascoltato questa pubblicità almeno 5 o 6 volte, e ogni volta che veniva trasmessa il mio sguardo cadeva sopra la cinta, sconfortato dalla presa d’atto che probabilmente non sono le mie camicie ad essersi [...]

, , ,

Nessun commento

Josetta Saffirio, a wine producer suspended between sustainability and magic

by Cristina Fracchia The first time the sat-nav directed me to the Josetta Saffirio winery, making me drive on improbable roads, I had the feeling that I had entered a magic land, despite only being a few miles from where I live.  I thought it was perfect when I discovered that the iconic image of [...]

Nessun commento

Josetta Saffirio, un’azienda vinicola sospesa tra sostenibilità e magia

Fin dalla prima volta in cui il navigatore mi ha portata all’azienda Josetta Saffirio, facendomi percorrere strade improbabili, ho avuto la sensazione di essere capitata in un territorio magico, nonostante si trovi a pochi chilometri da dove vivo. Quando poi ho realizzato che l’immagine simbolo della cantina è uno gnomo, ho pensato che fosse davvero [...]

, , ,

Nessun commento

Un Vinitaly di cuore

di Cristina Fracchia È stato per me un Vinitaly di grande impatto emotivo quello che si è appena concluso. Lo avevo disertato l’anno passato per questioni lavorative e pensavo che neppure quest’anno sarei riuscita ad andarci. D’altra parte 650 chilometri in un giorno e da sola davvero non avevo voglia di affrontarli. Poi, come capita [...]

, , , , , ,

Nessun commento