La dittatura del menu degustazione

di Gianluca D'Amelio


Lungi da me l’idea di criticare un certo tipo di ristorazione, anzi non finirò mai di tessere le lodi di quegli chef pionieri che sono alla continua ricerca e sperimentazione di nuovi piatti da proporre ai propri clienti. Ma per quanto possa sforzarmi di comprenderne i motivi, non riesco a capire perché nei ristoranti di livello medio alto i menu degustazione vengano serviti solo per tutto il tavolo. Posso capire che preparare un menu degustazione per una persona può creare dei problemi allo chef, quindi lo trovo giustissimo richiedere che venga ordinato da almeno due persone.

Il problema però si pone per le tavolate numerose, quelle da 4-6 persone o anche più. Mettere d’accordo tutti su un unico menu è praticamente impossibile, perché sicuramente avranno gusti diversi, fame diversa, approccio diverso. Quindi se qualcuno vuole ordinare un menu degustazione, è costretto a rinunciare e optare per la scelta à la carte. Mi sono chiesto quali siano i motivi di questa pratica adottata dai ristoratori e mi sono dato alcune risposte che però sono tutte facilmente confutabili.

Ho pensato che fosse un problema di organizzazione della cucina per servire i piatti tutti nello stesso momento. Ma se in quel tavolo ordinassero quattro piatti diversi, il problema si porrebbe lo stesso, quindi un bravo chef è sicuramente in grado di gestire situazioni di questo tipo.

Un’altra motivazione potrebbe essere quella di far mangiare tutto il tavolo nello stesso momento e per tutta la cena, cosa che sarebbe impossibile se alcuni ordinassero un menu degustazione e altri à la carte. Ma anche qui, se in un tavolo qualche commensale ordinasse tutti i piatti dall’antipasto al dolce mentre altri ne saltassero alcuni, ci sarebbero ugualmente momenti in cui qualcuno mangia e qualcun altro no. Non si possono certo costringere le persone a ordinare tutti lo stesso numero di piatti.

A questo punto mi pongo una domanda: è così complicato abbandonare questa pratica e lasciare libere le persone di ordinare quello che vogliono?

Scarica PDF Scarica PDF

Nessun commento

TripAdvisor? No grazie, preferisco l’oroscopo

di Gianluca D'Amelio La chiamano “democrazia del web”, ed è la possibilità che hanno tutti di intervenire e partecipare alle questioni dello scibile umano, a prescindere dalle effettive conoscenze che si hanno. Io lo chiamo il “paradosso del 2.0”, in quanto proprio nel momento in cui tutti possono condividere e partecipare, proprio nel momento in [...]

, , ,

Nessun commento

La Tognazza che ama: vino e solidarietà in casa Tognazzi

LA TOGNAZZA CHE AMA Un vino e una cena solidale con i ragazzi dell’Aipd Roma, protagonisti in cucina   "La Tognazza che Ama" è una speciale etichetta che parla d’amore, nata da un progetto della Tognazza Amata in collaborazione e a favore dell’Associazione Italiana Persone Down, sezione di Roma Onlus. Non solo una bottiglia di [...]

,

Nessun commento

E se smettessimo di chiamarle bollicine?

di Gianluca D'Amelio Diciamocelo francamente, la parola spumante non evoca alcunchè di buono. Ho ancora nella mente il saporaccio che avevano le bevande che portavano questo nome e che rovinavano i pranzi natalizi di quando ero bambino e adolescente. Nei giorni che precedevano il Natale infatti ogni famiglia ne acquistava cinque o sei bottiglie per [...]

, ,

Nessun commento

Di olio d’argan, di cosmesi e di altre sciocchezze

di Gianluca D'Amelio Proprio dieci anni fa, di questi giorni, tornavo da un viaggio in Marocco, sicuramente uno dei più emozionanti che abbia mai fatto. Un paese ricco di storia e di cultura, probabilmente sottovalutato e immeritatamente escluso dai classici itinerari turistici. E anche la sua cucina è tra le più buone al mondo. Ancora [...]

, , ,

Nessun commento

Alla cantina Le Manzane ridere è una cosa seria

Domenica 7 settembre a San Pietro di Feletto (TV) si terrà una vendemmia di solidarietà con i clown della Fondazione Dottor Sorriso Onlus di Lainate (MI)   Domenica 7 settembre presso l’Azienda agricola Le Manzane (in Via Maset 47/b), si terrà una vendemmia speciale che porterà nei vigneti di San Pietro di Feletto i clown-dottori [...]

,

Nessun commento

Collisioni Harvest 2014: a Barolo la bellezza è di casa

Anche quest’anno Barolo è stata la meta di un infinito pellegrinaggio di amanti della letteratura e della musica a Collisioni Harvest 2014. Si parla di 100.000 presenze in un paesino che si aggira sugli 800 abitanti, non male per un festival che ha solo 6 anni di vita. Dall’anno scorso a Collisioni ha preso il [...]

, , ,

Nessun commento

Blauburgunder Sanct Valentin della cantina St. Michael-Eppan: un viaggio in nove bottiglie

Una degustazione da capogiro per gli amanti del Pinot Nero è quella organizzata nell’ambito delle Giornate altoatesine del Pinot Nero (di cui vi ho parlato qui): la cantina di San Michele Appiano, o meglio St. Michael-Eppan, ha preparato un assaggio di ben nove diverse bottiglie, che andavano dal 1999 al 2011. Hans Terzer, enologo della [...]

Nessun commento

Mesa Buta Design: un’idea originale dedicata ai winelover

Mesa buta, ossia mezza bottiglia in dialetto piemontese, è un progetto nonché un brevetto registrato nato dalla fantasia di Manolo e Rossano Allochis, proprietari del ristorante Il vigneto di Roddi. All’origine c’è il tentativo di trovare un modo per caratterizzare di più le stoviglie del proprio ristorante, riutilizzando le bottiglie Albeisa vuote. Facciamo un passo [...]

, , ,

Nessun commento

Di Pinot Nero, di Mazzon e di altre amenità

Ci sono vini con i quali si cresce, formando il proprio gusto su di essi, e altri che si scopre ci appartengono pur non facendo parte del nostro background enologico. Per me l’incontro col Pinot nero è stato così, perché negli sparuti appuntamenti che ho avuto con lui negli anni ci ho sempre ritrovato qualcosa [...]

, , , ,

Nessun commento