TripAdvisor? No grazie, preferisco l’oroscopo

di Gianluca D'Amelio

La chiamano “democrazia del web”, ed è la possibilità che hanno tutti di intervenire e partecipare alle questioni dello scibile umano, a prescindere dalle effettive conoscenze che si hanno. Io lo chiamo il “paradosso del 2.0”, in quanto proprio nel momento in cui tutti possono condividere e partecipare, proprio nel momento in cui si ha la possibilità di ricevere informazioni  in maniera facile e veloce, nascono le maggiori insidie. E’ così ad esempio nel campo della medicina. Ormai nessuno di noi perde più tempo per andare dal medico per chiedere un consulto, ma ci rivolgiamo direttamente alla rete. Così se ci fa male un piede, apriamo la pagina di Google, digitiamo “dolore al piede” e cominciamo a leggere le migliaia di pagine che ci spiegano quali sono le cause di questo sintomo. E quelli come me, un po’ ipocondriaci, ritornano su Google per digitare le parole “onoranze funebri”.

Quello di cui voglio parlare oggi però è un argomento più leggero, riconducibile alla sfera democratica del web, ma che non ha nulla a che vedere con la nostra salute. Mi riferisco al fenomeno di TripAdvisor, il portale della ristorazione e della ricettività alberghiera, dove gli utenti  hanno la possibilità di scrivere le recensioni delle strutture ospitanti. Tali strutture, se hanno raggiunto un certo numero di recensioni positive, in rapporto al totale, ricevono il “Certificato di eccellenza”. Insomma, un’ottima guida per orientarci in un mondo in cui l’offerta è praticamente infinita. O almeno così dovrebbe essere.

Proprio un paio di giorni fa ho voluto togliermi lo sfizio di essere “consigliato” da TripAdvisor nella scelta del posto dove mangiare, che è ricaduta nel ristorante La Contrada di Cerveteri, “Certificato di eccellenza 2014”, con 108 recensioni di cui 57 con giudizio eccellente e 29 con giudizio molto buono. Pur sapendo della poca attendibilità del portale, ho voluto provare questo ristorante, quasi speranzoso di mangiare decentemente. Bene, non dico che sia stato il peggiore di tutta la mia vita, ma rientra sicuramente tra i primi cinque della mia personale classifica dei ristoranti da evitare. Lo stile del locale è quello di una trattoria tipica di 30 anni fa, con tovaglie a fiori e bicchieri di vetro spesso, stile anni ’70. Il menu è scritto a mano e fotocopiato (quindi gli stessi errori sono replicati in tutte le carte) e tradotto in un improbabile inglese e francese, visto che è risaputo che la periferia di Cerveteri pullula di turisti stranieri. Così un piatto chiamato fantasia di mare diventa, con un bel po’ di fantasia anche nella traduzione, imagination of the sea in inglese, e imagination de la mer in francese. I prezzi sono abbastanza onesti, tranne quelli dei vini che hanno un ricarico che supera il trecento per cento del loro costo.

A parte una discutibile focaccia che aveva una friabilità simile a quella delle frappe di carnevale (dette anche “chiacchiere”), la grigliata mista di carne era praticamente immangiabile: gli arrosticini di pecora avevano un sapore talmente forte che perfino io che ho un palato tutt’altro che delicato non sono riuscito a mangiarli; la salsiccia, al contrario, era completamente insipida,e la bistecchina di maiale ricordava la suola delle mie scarpe. Le patate al forno erano accettabili, e anche il servizio devo dire che è stato simpatico e cortese.

A questo punto mi chiedo qual è il senso di questa democrazia del web, quando le recensioni non controllate e i giudizi di “eccellenza”  si prestano ad un duplice errore metodologico. Il primo è la buona fede di chi scrive. Nulla vieta infatti l’inserimento di recensioni apologetiche anche da parte di chi non ha mai mangiato in un determinato ristorante (sembra che ci siano addirittura società di marketing che tra i vari servizi offrono anche la scrittura di recensioni fasulle, ma non ne ho la prova). Il secondo è quello della competenza di chi scrive. Quante volte ci è stato consigliato un ristorante che alla prova dei fatti si è rivelata una bufala? Bene, quelle stesse persone, abituate a mangiare non so cosa, sono le stesse che vanno a scrivere le recensioni di TripAdvisor. Possiamo fidarci di questa gente? Direi proprio di no.

E allora come districarsi nel mare magnum della ristorazione italiana, quando anche le guide sono estremamente limitanti e ruotano sempre intorno agli stessi indirizzi? La risposta la ignoro, ma la prossima volta che dovrò scegliere un nuovo ristorante leggerò l’oroscopo: se dirà che avrò una giornata positiva, sceglierò casualmente in base al mio istinto. Altrimenti mangerò a casa.

Scarica PDF Scarica PDF

, , ,

Nessun commento

La Tognazza che ama: vino e solidarietà in casa Tognazzi

LA TOGNAZZA CHE AMA Un vino e una cena solidale con i ragazzi dell’Aipd Roma, protagonisti in cucina   "La Tognazza che Ama" è una speciale etichetta che parla d’amore, nata da un progetto della Tognazza Amata in collaborazione e a favore dell’Associazione Italiana Persone Down, sezione di Roma Onlus. Non solo una bottiglia di [...]

,

Nessun commento

E se smettessimo di chiamarle bollicine?

di Gianluca D'Amelio Diciamocelo francamente, la parola spumante non evoca alcunchè di buono. Ho ancora nella mente il saporaccio che avevano le bevande che portavano questo nome e che rovinavano i pranzi natalizi di quando ero bambino e adolescente. Nei giorni che precedevano il Natale infatti ogni famiglia ne acquistava cinque o sei bottiglie per [...]

, ,

Nessun commento

Di olio d’argan, di cosmesi e di altre sciocchezze

di Gianluca D'Amelio Proprio dieci anni fa, di questi giorni, tornavo da un viaggio in Marocco, sicuramente uno dei più emozionanti che abbia mai fatto. Un paese ricco di storia e di cultura, probabilmente sottovalutato e immeritatamente escluso dai classici itinerari turistici. E anche la sua cucina è tra le più buone al mondo. Ancora [...]

, , ,

Nessun commento

Alla cantina Le Manzane ridere è una cosa seria

Domenica 7 settembre a San Pietro di Feletto (TV) si terrà una vendemmia di solidarietà con i clown della Fondazione Dottor Sorriso Onlus di Lainate (MI)   Domenica 7 settembre presso l’Azienda agricola Le Manzane (in Via Maset 47/b), si terrà una vendemmia speciale che porterà nei vigneti di San Pietro di Feletto i clown-dottori [...]

,

Nessun commento

Collisioni Harvest 2014: a Barolo la bellezza è di casa

Anche quest’anno Barolo è stata la meta di un infinito pellegrinaggio di amanti della letteratura e della musica a Collisioni Harvest 2014. Si parla di 100.000 presenze in un paesino che si aggira sugli 800 abitanti, non male per un festival che ha solo 6 anni di vita. Dall’anno scorso a Collisioni ha preso il [...]

, , ,

Nessun commento

Blauburgunder Sanct Valentin della cantina St. Michael-Eppan: un viaggio in nove bottiglie

Una degustazione da capogiro per gli amanti del Pinot Nero è quella organizzata nell’ambito delle Giornate altoatesine del Pinot Nero (di cui vi ho parlato qui): la cantina di San Michele Appiano, o meglio St. Michael-Eppan, ha preparato un assaggio di ben nove diverse bottiglie, che andavano dal 1999 al 2011. Hans Terzer, enologo della [...]

Nessun commento

Mesa Buta Design: un’idea originale dedicata ai winelover

Mesa buta, ossia mezza bottiglia in dialetto piemontese, è un progetto nonché un brevetto registrato nato dalla fantasia di Manolo e Rossano Allochis, proprietari del ristorante Il vigneto di Roddi. All’origine c’è il tentativo di trovare un modo per caratterizzare di più le stoviglie del proprio ristorante, riutilizzando le bottiglie Albeisa vuote. Facciamo un passo [...]

, , ,

Nessun commento

Di Pinot Nero, di Mazzon e di altre amenità

Ci sono vini con i quali si cresce, formando il proprio gusto su di essi, e altri che si scopre ci appartengono pur non facendo parte del nostro background enologico. Per me l’incontro col Pinot nero è stato così, perché negli sparuti appuntamenti che ho avuto con lui negli anni ci ho sempre ritrovato qualcosa [...]

, , , ,

Nessun commento

IL BAROLO E I SUOI CRU

di Cristina Fracchia Non ho mai nascosto il mio infinito amore per il vitigno nebbiolo nelle sue varie interpretazioni, ma quando ho saputo che quest’anno a Vinum, evento annuale che si svolge ad Alba, avrebbero organizzato un tour dei cru del Barolo in compagnia di Alessandro Masnaghetti, non ho potuto rinunciare all’evento e neppure contenere [...]

, ,

Nessun commento