CONTRO NATURA: la verità che fa discutere

di Gianluca D'Amelio

 

Dopo aver letto Pane e bugie (chiarelettere, 2010) e le bugie nel carrello (chiarelettere, 2013), da qualche giorno ho acquistato e cominciato a leggere l’ultimo lavoro di Dario Bressanini, Contro natura (Rizzoli, 2015), scritto in collaborazione con Beatrice Mautino, una giornalista biotecnologa e comunicatrice scientifica.

Bressanini è uno scienziato prestato alla Comunicazione, che attraverso i suoi libri e il suo blog prova a raccontare quanto c’è di vero e di falso in ciò che si racconta intorno al cibo. E lo fa con un approccio scientifico, riportando studi e dati dall’indiscussa attendibilità, con un’abilità linguistica e una semplicità nel trattare argomenti per loro natura complicati, da far invidia anche a chi il comunicatore lo fa per mestiere .

Ovviamente quando si vanno a confutare credenze interiorizzate, è normale che spesso le reazioni siano, per usare un eufemismo, alquanto animate.

È successo quando ha parlato degli ogm, o quando in un post su facebook ha dichiarato, scatenando le ire di una famosa foodblogger che sosteneva il contrario, “Non vi piace la Nutella? bene (pure io preferisco la Novi). Ma sono stufo di leggere in bacheca che ‘fa male’ o è ‘una schifezza per la salute perché contiene olio di palma’”.

Nel libro appena uscito invece, il primo capitolo è dedicato al glutine e l’autore lo ha pubblicato per intero nel suo blog scatenando questa volta sia l’ira dei celiaci, anche se in realtà non c’entravano nulla con l’oggetto dell’articolo, che quella di chi è, o pensa di essere, affetto da sensibilità al glutine. Bressanini infatti ha riportato alcuni studi fatti in doppio cieco (una tecnica utilizzata per evitare condizionamenti negli studi scientifici) in cui si evidenzia che tra le persone che dichiarano di essere intolleranti o sensibili al glutine (non parlava quindi dei celiaci, la cui patologia è riscontrabile clinicamente), in realtà soltanto il 5% di essi lo sono effettivamente. I restanti probabilmente hanno una sensibilità ad altri elementi presenti nel frumento, o addirittura il problema è soltanto di origine psicologica. Quindi la tendenza molto comune oggi di consumare gli alimenti gluten-free, nella maggior parte dei casi è soltanto una moda priva di spiegazioni. Apriti cielo!

Prontissime le reazioni degli interessati che hanno criticato duramente il post, e non sono servite neanche le sue continue puntualizzazioni per ribadire che lo studio, che piaccia o no, è stato fatto in doppio cieco, quindi assolutamente attendibile. E una persona che dichiara di essere sensibile al glutine, se durante l'esperimento in cui gliene è stato somministrato a sua insaputa non ha avuto alcun disturbo, evidentemente il glutine non è la causa dei suoi malesseri.

Insomma il povero (si fa per dire) Bressanini ha un bel da fare a rispondere a queste critiche, il più delle volte insensate e immotivate, e quasi sempre isteriche. Concludo riportando il commento più bello, quello che non ha bisogno di spiegazioni e repliche, e lo faccio copiandolo per intero, senza aggiungere altro. Se non promettere di tornare a parlare di questo libro appena avrò terminato di leggerlo.

ma non avete capito dovie siete … questo blog e questi qui sono gli yatollah della scienza empirica più dura la CHIMICA. Qui non c'è posto per chi è vegetariano e non ti dico vegano, naturista o ecologista o semplicemente si prenda due globuli omeopatici. Sono degli intolleranti di chiunque altro si allontani dai loro fetidi allevamenti e coltivazioni industrial e laboratori ( molti soldi, moltii multinazionali, un cosmo finanziario) Ma questi pensano di salvare il pianeta con la chimica Per loro chi non condivide i loro assiomi sono tutti un bel po' scemi e ora anche voi celiaci , nella vostra nicchia di mercato gli date fastidio semplicemente perchè vorreste dire la vostra ,che magari è diversa dalla loro. Ma la vostra è un'opinione e la loro è SCIENZA. Hanno una concezione polifemica del mondo, dove piazzano il loro unico occhione attaccato al microscopio o a qualche altro strumento lì è la VERITA' peccato che intanto la vita è altrove…..Fatevi un giro per questo blog, sono convinti e sono tra loro. A me diverte capire cosa c'è dietro una cottura o una ricetta, e lo seguo random questo blog. Comprerò anche il libro sulla pasticceria del loro prof. ma riguardo a curarmi, a mangiare a capire l'orizzonte di senso della vita e i compiti che la scienza ha di fronte, mi rivolgo ad altro ed ad altri

Scarica PDF Scarica PDF

, , ,

Nessun commento

Alla ricerca della linea perduta

di Gianluca D'Amelio   “Prova costume? Non è più un problema con Normaline …”. Questa mattina in un’ora di automobile, ho ascoltato questa pubblicità almeno 5 o 6 volte, e ogni volta che veniva trasmessa il mio sguardo cadeva sopra la cinta, sconfortato dalla presa d’atto che probabilmente non sono le mie camicie ad essersi [...]

, , ,

Nessun commento

Josetta Saffirio, a wine producer suspended between sustainability and magic

by Cristina Fracchia The first time the sat-nav directed me to the Josetta Saffirio winery, making me drive on improbable roads, I had the feeling that I had entered a magic land, despite only being a few miles from where I live.  I thought it was perfect when I discovered that the iconic image of [...]

Nessun commento

Josetta Saffirio, un’azienda vinicola sospesa tra sostenibilità e magia

Fin dalla prima volta in cui il navigatore mi ha portata all’azienda Josetta Saffirio, facendomi percorrere strade improbabili, ho avuto la sensazione di essere capitata in un territorio magico, nonostante si trovi a pochi chilometri da dove vivo. Quando poi ho realizzato che l’immagine simbolo della cantina è uno gnomo, ho pensato che fosse davvero [...]

, , ,

Nessun commento

Un Vinitaly di cuore

di Cristina Fracchia È stato per me un Vinitaly di grande impatto emotivo quello che si è appena concluso. Lo avevo disertato l’anno passato per questioni lavorative e pensavo che neppure quest’anno sarei riuscita ad andarci. D’altra parte 650 chilometri in un giorno e da sola davvero non avevo voglia di affrontarli. Poi, come capita [...]

, , , , , ,

Nessun commento

Oldani, il pesto e le tradizioni inventate

di Gianluca D'Amelio   Dopo aver parlato dell’amatriciana e di Cracco, vorrei  ritornare sull’argomento delle tradizioni enogastronomiche più o meno inventate, e delle diatribe sull’utilizzo di ingredienti nelle ricette tradizionali.  Questa volta a scatenare la bagarre mediatica è stato lo chef Davide Oldani, che a proposito di pesto, ha espresso quanto segue: "Il pesto deve [...]

,

Nessun commento

Cracco, Amatrice e l’invenzione della tradizione

di Gianluca D'Amelio In questi giorni non si parla d’altro della famosa, nonché noiosa, diatriba tra lo chef Carlo Cracco e il Comune di Amatrice. Racconto brevemente cosa è successo. Carlo Cracco, in una delle trasmissione più popolari e più trash della televisione italiana, ha osato sostenere che il segreto per la perfetta riuscita della [...]

, ,

Nessun commento

Dolcetto alla riscossa… l’Ovada, per esempio

Nel mondo del vino c’è un gran desiderio di rivincita per i vitigni meno noti. Ad esempio, basta aver letto ciò che è accaduto nell’estate appena trascorsa riguardo all’articolo pubblicato sul sito di Slow wine da Giancarlo Gariglio sul Dolcetto e alle risposte che sono seguite dalle principali denominazioni del Dolcetto piemontese.

Nessun commento

Mercato FIVI : una degustazione Soave

Sabato 29 novembre ho avuto il piacere di partecipare al Mercato della Fivi a Piacenza, giunto alla IV edizione. L’evento, a dirla tutta, mi è parso bellissimo, soprattutto per la sua semplicità e immediatezza, con un pubblico partecipe e interessato ma senza presunzioni. L’aria era pervasa di una bella energia, di persone con sorrisi sinceri, [...]

,

Nessun commento

Che bello andare a … In Bianco!

Eccomi. Sono in ritardo, lo so, ma cercherò ugualmente di raccontarvi ciò che è accaduto lunedì 24 Novembre a Palazzo Carignano, cuore antico e sontuoso della Torino risorgimentale. Vi si è tenuto un evento di cui hanno già parlato in molti sul web: In Bianco, una giornata dedicata alla degustazione dei grandi bianchi italiani e [...]

Nessun commento