Mercato FIVI : una degustazione Soave

di Cristina Fracchia

Sabato 29 novembre ho avuto il piacere di partecipare al Mercato della Fivi a Piacenza, giunto alla IV edizione. L’evento, a dirla tutta, mi è parso bellissimo, soprattutto per la sua semplicità e immediatezza, con un pubblico partecipe e interessato ma senza presunzioni. L’aria era pervasa di una bella energia, di persone con sorrisi sinceri, di abbracci veri e forti. E poi si trattava di una mostra mercato, dove finalmente si poteva anche comprare!

Oltre alla gioia di incontrare amici di lunga data (Laura Sbalchiero in primis, a cui va il mio ringraziamento per avermi data l’occasione di essere presente, e la vulcanica Michela) e altri che fino ad allora erano solo virtuali, ho avuto anche il privilegio di assistere alla degustazione di Soave dell’azienda Pieropan, storico produttore da quattro generazioni. In questa occasione sono state presentate le annate 1994, 2003 e 2006 di due cru dell’azienda, il Calvarino e il La Rocca. In apertura, Mario Pojer (tecnico e produttore) ha introdotto Leonildo Pieropan che ha raccontato il territorio e i suoi due vini. Il La Rocca è un cru che sorge su terreno calcareo con residui fossili, si estende per 6 ettari a sud; il vino è composto al 100% da garganega, vendemmiata in lieve ritardo, ed è fermentato in tonneau. Il Calvarino si estende per 8 ettari a ovest su un terreno vulcanico; il vino è composto da garganega e trebbiano (70 e 30%) e viene fermentato in vasche di cemento.

Le vendemmie non sono state scelte casualmente: il ’94 è stata infatti un’annata fredda e umida, il 2003 caldissima e afosa, il 2006 invece è stata regolarissima. Dei due cru confesserò che ho preferito grandemente La Rocca in tutte e tre le annate, perché più accogliente e suadente a mio parere.

Del ‘94 ho sintetizzato i due vini con una figura ciascuno: del Calvarino ho scritto “è uno sgabello”, de La Rocca “una poltrona”. Infatti il primo cru, nonostante i sentori interessantissimi di fieno verde, pietra focaia e noce, in bocca era molto nervoso, mentre il secondo, pur essendo meno fresco mostrava un naso decisamente più ampio di nocciola, noce, albicocca disidratata, e in bocca era assai più gentile. Fantastico.

Il Calvarino 2003, si presentava con un bouquet molto piacevole, ma era davvero troppo corto, contrariamente al La Rocca, di un giallo ambrato brillante e di una lunghezza ragguardevole per un’annata così calda.

Il 2006 ha proposto un Calvarino con sentori di fiori e agrumi, lievi semi di finocchio e sasso, che certamente avrà ancora lunghissima vita in bottiglia, ma il La Rocca mi ha di nuovo conquistata con il suo naso di frutta gialla (soprattutto ananas maturo), coi lievi idrocarburi, con un equilibrio sicuro e stabile che è e sarà la sua forza. Ottimo.

Che dire? È stata una bellissima esperienza, una degustazione didattica (come è stata definita da Pojer)  ma non solo, un momento carico di scoperte emozionanti per me, che, per manifestare tutto il mio entusiasmo…non ho lasciato una sola goccia del La Rocca nel bicchiere! 

Scarica PDF Scarica PDF

,

Nessun commento

Che bello andare a … In Bianco!

Eccomi. Sono in ritardo, lo so, ma cercherò ugualmente di raccontarvi ciò che è accaduto lunedì 24 Novembre a Palazzo Carignano, cuore antico e sontuoso della Torino risorgimentale. Vi si è tenuto un evento di cui hanno già parlato in molti sul web: In Bianco, una giornata dedicata alla degustazione dei grandi bianchi italiani e [...]

Nessun commento

La dittatura del menu degustazione

di Gianluca D'Amelio Lungi da me l’idea di criticare un certo tipo di ristorazione, anzi non finirò mai di tessere le lodi di quegli chef pionieri che sono alla continua ricerca e sperimentazione di nuovi piatti da proporre ai propri clienti. Ma per quanto possa sforzarmi di comprenderne i motivi, non riesco a capire perché [...]

Nessun commento

TripAdvisor? No grazie, preferisco l’oroscopo

di Gianluca D'Amelio La chiamano “democrazia del web”, ed è la possibilità che hanno tutti di intervenire e partecipare alle questioni dello scibile umano, a prescindere dalle effettive conoscenze che si hanno. Io lo chiamo il “paradosso del 2.0”, in quanto proprio nel momento in cui tutti possono condividere e partecipare, proprio nel momento in [...]

, , ,

Nessun commento

La Tognazza che ama: vino e solidarietà in casa Tognazzi

LA TOGNAZZA CHE AMA Un vino e una cena solidale con i ragazzi dell’Aipd Roma, protagonisti in cucina   "La Tognazza che Ama" è una speciale etichetta che parla d’amore, nata da un progetto della Tognazza Amata in collaborazione e a favore dell’Associazione Italiana Persone Down, sezione di Roma Onlus. Non solo una bottiglia di [...]

,

Nessun commento

E se smettessimo di chiamarle bollicine?

di Gianluca D'Amelio Diciamocelo francamente, la parola spumante non evoca alcunchè di buono. Ho ancora nella mente il saporaccio che avevano le bevande che portavano questo nome e che rovinavano i pranzi natalizi di quando ero bambino e adolescente. Nei giorni che precedevano il Natale infatti ogni famiglia ne acquistava cinque o sei bottiglie per [...]

, ,

Nessun commento

Di olio d’argan, di cosmesi e di altre sciocchezze

di Gianluca D'Amelio Proprio dieci anni fa, di questi giorni, tornavo da un viaggio in Marocco, sicuramente uno dei più emozionanti che abbia mai fatto. Un paese ricco di storia e di cultura, probabilmente sottovalutato e immeritatamente escluso dai classici itinerari turistici. E anche la sua cucina è tra le più buone al mondo. Ancora [...]

, , ,

Nessun commento

Alla cantina Le Manzane ridere è una cosa seria

Domenica 7 settembre a San Pietro di Feletto (TV) si terrà una vendemmia di solidarietà con i clown della Fondazione Dottor Sorriso Onlus di Lainate (MI)   Domenica 7 settembre presso l’Azienda agricola Le Manzane (in Via Maset 47/b), si terrà una vendemmia speciale che porterà nei vigneti di San Pietro di Feletto i clown-dottori [...]

,

Nessun commento

Collisioni Harvest 2014: a Barolo la bellezza è di casa

Anche quest’anno Barolo è stata la meta di un infinito pellegrinaggio di amanti della letteratura e della musica a Collisioni Harvest 2014. Si parla di 100.000 presenze in un paesino che si aggira sugli 800 abitanti, non male per un festival che ha solo 6 anni di vita. Dall’anno scorso a Collisioni ha preso il [...]

, , ,

Nessun commento

Blauburgunder Sanct Valentin della cantina St. Michael-Eppan: un viaggio in nove bottiglie

Una degustazione da capogiro per gli amanti del Pinot Nero è quella organizzata nell’ambito delle Giornate altoatesine del Pinot Nero (di cui vi ho parlato qui): la cantina di San Michele Appiano, o meglio St. Michael-Eppan, ha preparato un assaggio di ben nove diverse bottiglie, che andavano dal 1999 al 2011. Hans Terzer, enologo della [...]

Nessun commento