Che noblesse il Nebbiolo!

di Cristina Fracchia

Che ami follemente il vitigno nebbiolo è una confessione già fatta in parecchi altri post. Ora ammetto di avere un debole anche per la sua versione spumante

Parecchi anni fa, sistemando i giornali di fine '800 ritrovati in solaio, mi avevano incuriosita le pubblicità del Nebbiolo spumante prodotto all'epoca. Che stranezza! – avevo pensato, non immaginandomi mai più che quella tradizione sarebbe stata ripresa anni dopo e con successo da una parte dei nostri vignaioli. All'epoca dei giornali di mio bisnonno, la lavorazione di quel vitigno (una rifermentazione in bottiglia forse non sempre riuscitissima) dava come esito un vino frizzante e dolce, che alla fine non conobbe col vitigno nebbiolo un prosieguo negli anni, a fronte, invece, di una trasformazione che offriva come risultato il Barolo (Giulia Falletti di Barolo e Camillo Benso ci avevano già messo lo zampino e l'enologo Oudart il resto).

La riscoperta di questa tradizione, legata a doppio filo al nostro territorio dal vitigno nebbiolo, è iniziata intorno a fine anni ‘90, grazie all’Erpacrife (acronimo dei quattro vignaioli che si erano uniti per l’avventura di spumantizzare il nebbiolo: Erik Dogliotti, Paolo Stella, Cristian Calatroni e Federico Scarzello). La differenza fondamentale rispetto a oltre 100 anni fa sta nell’ottenimento di un vino secco e lavorato col metodo classico applicato a regola d’arte; in questi ultimi anni parecchie aziende hanno cominciato a vinificarne piccoli quantitativi che complessivamente raggiungono ora le 200.000 bottiglie circa.

Lo scorso aprile si sono raggruppate una ventina di produttori per una prima presentazione ufficiale ad Alba riservata a stampa e operatori, ripetuta poi a distanza di un paio di mesi e aperta anche al pubblico. In questo secondo momento, l'evento, denominato Nebbiolo noblesse, ha raccolto l'interesse di parecchi amanti del genere, portando a essere presenti 20 aziende, molte delle quali presentavano un prodotto ottenuto da uve nebbiolo al 100%. Tra queste, anche il gruppo del progetto Nebbione, spumante ottenuto dagli acini situati sulla punta inferiore del grappolo di nebbiolo, che solitamente vengono scartati per produrre grandi rossi proprio perché hanno caratteristiche più simili ad un'uva bianca (meno zuccheri e più acidità).


Durante Nebbiolo noblesse ho avuto modo di assaggiare molte versioni di Nebbiolo spumante che non conoscevo, notando un livello medio dei prodotti piuttosto alto. Tempo fa qui avevo già accennato a quello di Josetta Saffirio, uno dei primi che avevo degustato. Molto interessante anche il Cuvée Zero di Cascina Chicco (che conoscevo già bene); buonissimi il Kaskal di Rivetto e Na Punta di Cantina Sciulun Conterno Franco, entrambi aderenti al progetto Nebbione. Alcuni altri che mi hanno colpito sono stati l’Erpacrife, il Rosanna Rosé di Ettore Germano, il Cuvage Brut Rosé di Cuvage e infine il Faiv Rosé di Marchisio Family, l’unico a sostare 110 mesi sui lieviti. 

Scarica PDF Scarica PDF

, , , , , , , , ,

Nessun commento

Into the Barbera temple

Cristina Fracchia After a year break (not really a sabbatical, as I had a child who just turned 12 months a few weeks ago), I have timidly returned to visit the places I prefer … the cellars! The choice fell on a famous Piedmontese company, which I never had a chance to see before. Malicious [...]

Nessun commento

Nel tempio della Barbera d’Asti: l’azienda Braida

di Cristina Fracchia Dopo un anno di pausa non proprio sabbatica (ho avuto un bimbo che ha giusto compiuto 12 mesi poche settimane fa) , sono timidamente tornata a visitare i luoghi che preferisco… le cantine! La scelta è caduta su una famosa azienda piemontese, che non avevo mai avuto occasione di vedere. I maligni [...]

Nessun commento

Rete, paesaggi ed enogastronomia: quali opportunità sprechiamo

di Cristina Fracchia Nonostante le mie dimensioni continuino ad aumentare vertiginosamente (per fortuna sono quasi alla fine della gravidanza!), negli ultimi mesi ho dovuto/voluto scollinare in giro per mezzo Piemonte a seguire una serie di corsi di aggiornamento per la formazione continua dell’Ordine dei giornalisti e raggiungere gli ambìti 60 crediti per assolvere agli obblighi [...]

Nessun commento

Suggerimenti spumeggianti piemontesi (o giù di lì) per le feste in arrivo

Natale è alle porte, come pure le feste di Capodanno. Nonostante io abbia più di un motivo per festeggiare, lo farò ovviamente in modo alcolicamente sobrio; ciò non toglie però che qualche bottiglia di spumante verrà comunque stappata a casa mia. Confesso comunque che fino all’anno scorso non ho mai amato alcun vino spumante secco; [...]

, , ,

Nessun commento

Assente giustificata

di Cristina Fracchia   Da qualche mese mi ritrovo ad essere latitante soprattutto agli eventi. Confesso di avere declinato con rammarico tantissimi inviti a degustazioni, eventi, serate eppure non è stato per snobbare alcuno. E neppure sono improvvisamente diventata astemia, cosa che ha spaventato qualche cara amica nonché compagna di bicchierate. Il motivo è assai [...]

,

Nessun commento

Gli Oscar della serata “Tutto Riesling” al Très

  Sull’onda di questa certezza, qualche giorno fa ho partecipato ad una social cena presso il ristorante Très a Trezzo Tinella (Cn), recentemente rilevato da una brava foodblogger, Margherita di acasamiablog, e da suo marito. Qui i titolari hanno organizzato una cena con cinque piatti ad accompagnare cinque Riesling scelti dal sommelier Stefano Molino e [...]

, , ,

Nessun commento

CONTRO NATURA: la verità che fa discutere

di Gianluca D'Amelio   Dopo aver letto Pane e bugie (chiarelettere, 2010) e le bugie nel carrello (chiarelettere, 2013), da qualche giorno ho acquistato e cominciato a leggere l’ultimo lavoro di Dario Bressanini, Contro natura (Rizzoli, 2015), scritto in collaborazione con Beatrice Mautino, una giornalista biotecnologa e comunicatrice scientifica. Bressanini è uno scienziato prestato alla [...]

, , ,

Nessun commento

Alla ricerca della linea perduta

di Gianluca D'Amelio   “Prova costume? Non è più un problema con Normaline …”. Questa mattina in un’ora di automobile, ho ascoltato questa pubblicità almeno 5 o 6 volte, e ogni volta che veniva trasmessa il mio sguardo cadeva sopra la cinta, sconfortato dalla presa d’atto che probabilmente non sono le mie camicie ad essersi [...]

, , ,

Nessun commento

Josetta Saffirio, a wine producer suspended between sustainability and magic

by Cristina Fracchia The first time the sat-nav directed me to the Josetta Saffirio winery, making me drive on improbable roads, I had the feeling that I had entered a magic land, despite only being a few miles from where I live.  I thought it was perfect when I discovered that the iconic image of [...]

Nessun commento