Cantina Vintinove: competenza, semplicità e modernità


di Gianluca D'Amelio

Competenza, semplicità e modernità sono i tre sostantivi con cui la cantina Vintinove si presenta al pubblico degli enofili. I fratelli Sandro e Francesco Bravin, una decina d’anni fa, hanno messo in piedi questa azienda di dimensioni medio-piccole (coltiva poco meno di 20 ettari di vigneto), e assemblando sapientemente l’equilibrio naturale delle piante con tecniche agronomiche moderne, hanno cominciato a produrre sei linee di vino.

Quando per la prima volta ho sentito parlare di quest’azienda, la prima cosa che mi ha colpito è stato il nome: pensavo fosse un numero (ventinove nel dialetto veneziano) che avesse un particolare significato per gli ideatori. Niente di tutto questo. Scomponendo il vocabolo in VIN TINO VE, si può ricomporre come VIN de TINO de VEnexia, che è un omaggio ad Ernesto Bravin, detto Tino, il padre dei due titolari dell’azienda che per primo ha cominciato a coltivare la vigna. Decisamente curioso.

L’azienda si trova a Portogruaro, nel cuore della DOC Lison-Pramaggiore, una zona particolarmente vocata per la coltivazione di vitigni bianchi, quali lo chardonnay, il pinot grigio,il sauvignon e il verduzzo, e rossi quali il merlot, il cabernet, il carmenère e il refosco dal peduncolo rosso. Passo immediatamente al racconto della degustazione:

Chardonnay DOC Venezia 2011

 

È un vino che si presenta con un colore giallo paglierino brillante, e al naso risulta molto fine e delicato. Spiccano immediatamente sentori di frutta non troppo matura e floreali. Al palato è armonico, con una buona acidità e persistenza.

Pinot grigio DOC Venezia 2011

 

Dal tipico colore giallo paglierino intenso con sfumature ramate, con un bouquet di grande eleganza e finezza, dove prevalgono sentori di albicocca e pesca gialla. In bocca è perfettamente equilibrato e armonico

Arcumbè IGT Veneto 2010

 

Senza dubbio il migliore tra i vini degustati, almeno secondo il mio giudizio. È un uvaggio di merlot (60%), carmenère (30%) e refosco (10%). È un vino di buona struttura, dal colore rosso rubino intenso, che viene affinato per un breve periodo in tonneau di rovere. Ha un bouquet ampio e fine dove risaltano sentori di frutta rossa e di vaniglia, mentre al palato risulta decisamente corposo e caldo.

Un’azienda molto interessante, in grado a mio avviso di migliorare ulteriormente i già ottimi risultati fin qui conseguiti.


This is some text prior to the author information. You can change this text from the admin section of WP-Gravatar  To change this standard text, you have to enter some information about your self in the Dashboard -> Users -> Your Profile box.


Scarica PDF Scarica PDF

, , ,

I commenti sono stati disattivati.